Musil

Robert Musil è l’autore di “L’uomo senza qualità”. Questo lungo romanzo è considerato unanimemente dalla critica come una delle massime espressioni letterarie del ‘900.

Il modo di costruire le case, i masi, ma anche il modo singolare di vivere della gente di questa valle impressionò lo scrittore Robert Musil che nel 1915 trascorse alcuni mesi nella Valle del Fersina.

“Giunti dentro la valle si trovarono in un luogo bizzarro…” scrive nel racconto Grigia “…se si guardava dal basso la prateria ci si credeva trasportati in un villaggio preistorico su palafitte, perché tutte le case, dalla parte della valle, erano piantate su pali alti”.

Durante la prima guerra mondiale lo scrittore fu nominato dall’esercito austriaco vicecomandante del fronte situato sulla catena del Lagorai e alloggiò per tre mesi nell’ex canonica di Palù del Fersina.

Fu notevolmente affascinato e attratto dalla storia, dalla natura e dal carattere degli abitanti di questa valle, definita da lui stesso “la valle incantata”. Tutto l’amore e la passione verso questi luoghi si trasformò poi in una novella intitolata “Grigia”, pubblicata nel 1921 e dedicata ad una donna della valle, ma ispirarono anche alcune tra le sue opere più importanti.