Economia della Valle

Conosci giorno per giorno le attività ed i percorsi che potrai realizzare e i sapori e l’accoglienza del luogo...

La Valle dei Mòcheni si presenta come una Valle adatta ad un turismo sostenibile, ad un turismo lento, rispettoso della natura e della cultura presente in loco. Molte sono le attività che si possono svolgere in questa vallata ed in ogni periodo dell’anno.

A proposito di turismo sostenibile… in Valle è presente l’Associazione PIRLO en Bersntol nato per creare una rete tra operatori presenti sul territorio.

Fanno parte di questa associazione agritur, ristoranti, bed and breakfast, baite, appartamenti ad uso turistico, ma anche un accompagnatore di territorio e un’istruttrice di nordic walking. Ogni associato s’impegna nell’offrire un’ospitalità di qualità, promuovendo un turismo responsabile e rispettoso delle numerose peculiarità che contraddistinguono la Valle dei Mòcheni.

Il nome dell’associazione deriva dall’antica trottola trentina, el pirlo, ed è l’acronimo di Piccole Imprese Rurali Lavorano per l’Ospite.

Agricoltura e allevamento

Un tempo la Valle dei Mòcheni viveva di agricoltura ed allevamento.

Si coltivavano cereali, patate e ortaggi, oggi queste produzioni si sono ridotte e state sostituite in parte con quelle di piccoli frutti. Alcune attività di allevamento sono ancora praticate, quali quelle dei caprini, dei bovini e degli ovini.

Agricoltura

Nel 1972 dieci giovani produttori, pensarono di sfruttare  l’altitudine che la zona offriva coltivando  piccoli frutti. Un’idea assolutamente azzeccata poiché, queste piante, possono essere coltivate anche in luoghi impervi e sfruttando superfici non troppo estese. Sant’Orsola diventa Cooperativa già nel 1975 ed estende la propria zona di produzione in altre valli del Trentino.

La società cooperativa agricola Sant’Orsola è un’organizzazione di produttori agricoli specializzata nella produzione e commercializzazione di lamponi, more, mirtilli, ciliegie, fragole, ribes rossi e bianchi, uva spina, baby kiwi e fragoline di bosco, cioè i piccoli frutti. L’azienda è rinomata per la sua qualità in tutta la nostra penisola ed anche, in piccola parte, in Europa. La cooperativa produce piccoli frutti di alta qualità. I prodotti vengono selezionati già all’interno del campo di coltura secondo degli standard ben definiti da Sant’Orsola. Il controllo avviene anche durante il conferimento, dove per ogni stock di frutta viene prelevato un campione che viene minuziosamente esaminato al fine di capire qualità e peso della frutta arrivata nella cooperativa.

Allevamento

Un tempo in Valle dei Mòcheni si viveva di agricoltura e allevamento di bestiame. Alcune attività di allevamento sono ancora praticate, quali quelle dei caprini, dei bovini e degli ovini.

Diverse famiglie, soprattutto provenienti dalla zona di Roveda praticano ancora la transumanza delle pecore, percorrendo lunghi tratti e portando i propri capi verso altre regioni. Quest’attività affonda le radici in epoche molto antiche ed è ancora sentita dalla gente della Valle che con molta passione trasmette quest’attività da padre in figlio.

Oltre alle pecore, in valle sono anche allevate le capre, tra cui anche una razza di origine autoctona: la capra pezzata mòchenaplètzet goas van Bersntol che presenta un pelo di lunghezza variabile di colore nero con delle pezzature di colore bianco, da cui il nome “pezzata”. Il tipo Pezzato Mocheno è diffuso in Valle dei Mocheni, nell’Altopiano di Pinè e nella Valsugana. Ci sono anche altri allevamenti in Trentino come in Primiero e Val di Fassa che negli ultimi anni hanno puntato su questa razza dalle svariate attitudini e predisposizione rustiche.

La capra è visibile durante alcuni eventi in Valle dei Mòcheni ma anche al pascolo tra i prati della Valle insieme ad altri animali in quanto svolge un’importante lavoro di manutenzione delle zone abbandonate e impervie.

È possibile assaggiare i prodotti caseari ottenuti dalla lavorazione del latte della capra mòchena in alcune aziende della Valle. Visto il numero ancora esiguo di capi quasi sempre i prodotti caseari sono lavorati con altro latte come quello vaccino, che rende il prodotto tradizionale ancor più particolare e con alta digeribilità.

Inoltre, è anche presente l’Associazione capra pezzata mòchena- de hirtn ont de plètzet goas van Bersntol, con sede a Fierozzo che gestisce circa 150 capi.

Quest’ultima ha da alcuni anni fondato la Società S.T.A.R. en Bersntol che gestisce la malga Plètzn e anche l’annesso agritur nel quale potrai trovare i prodotti di malga con piatti tradizionali.

Golt va Hardimbl – L’oro dell’Erdemolo

La società Star en Bersntol stagiona una parte del suo prodotto nella Gruab va Hardimbl. Una novità molto apprezzata che da alcuni anni sta dando buoni risultati di qualità e di vendita sostenendo questa piccola economica e puntando all’alta cucina con prodotti di nicchia e unici.

Il formaggio, grazie alle condizioni interne particolari della Miniera si conserva e si trasforma in modo unico, risultando un prodotto dal gusto deciso e persistente per “soli intenditori”.
Gli assaggiatori esperti locali garantiscono l’unicità del prodotto!!!

Artigianato

Attività tramandate di padre in figlio attraverso una lunga tradizione.

Molte sono le attività di artigianato presenti in Valle, che affondano le loro radici in tempi antichi e che sono state tramandate di generazione in generazione. Tra queste vi è la lavorazione del legno e della lana.

La lavorazione del legno

In Valle dei Mòcheni ci sono folti ed estesi boschi, composti per lo più da larici ed abeti. Il legno ha avuto per secoli una notevole rilevanza per l’economia della zona. Gli abitanti della valle, infatti, sapevano ricavarne mobili, zoccoli, travi e ceste, ottenendo il massimo rendimento e valorizzando ogni tipo di pianta. La cultura del legno si può ancora notare facilmente nei masi dove questo materiale è sfruttato nella struttura (tipico e bellissimo è anche il tetto a scandole) e negli oggetti tipici della tradizione all’interno

In Valle sono presenti alcuni artigiani che realizzano sculture e opere in legno.

Andrea Oberosler – Barbel Art realizza  nel suo laboratorio a Fierozzo, opere ornamentali che rappresentano la fauna alpina con la passione di chi vive la montagna con rispetto e amore. Vari sono gli oggetti intagliati e realizzati dall’artista,  da elementi di arredamento in stile rustico, mobili, accessori, panche, capitelli, presepi, insegne a scandole ed altro ancora.

Per informazioni: www.barbelart.it

Paolo Vivian, è un’artista che realizza delle vere e proprie opere d’arte esposte in varie mostre ed eventi internazionali. Nel suo Skulturclub è possibile conoscere e provare con mano la sua arte. Tra le sue opere c’è anche l’albero dei desideri, vicino al museo S Pèrgmandlhaus e molte altre realizzate in Loc. Van Spitz a Roveda in occasione del Simposio di scultura Van Spitz Holzbildhauer Symposium.

Per informazioni: http://www.paolovivian.it/index_it.html

Ruggero Pallaoro realizza a S.Orsola Terme piccoli oggetti come penne stilografiche, roller e penne a sfera ma anche vasi ed altri accessori, attraverso la lavorazione del legno nel pieno rispetto del territorio e della natura. Ha partecipato a diversi eventi e mostre. Nel 2006 ha registrato il marchio ruggeropallaoro®.

Per informazioni: https://www.ruggeropallaoro.com/it/

Walter Oss oriundo della Valle dei Mòcheni realizza, nella sua tipografia Pubblidea a Tremosine stampe digitali, loghi, gadget, abbigliamento personalizzato ma anche alcuni manufatti in legno e molto altro ancora. Inoltre saprà aiutarti a trasformare la tua idea in grafica!

Per informazioni: https://www.coccinellaidea.it/

La lavorazione della lana

Nella Valle dei Mòcheni/Bersntol molti sono i pastori di pecore, che tutt’ora si dedicano a questa attività. Un tempo le pecore venivano allevate anche per la tosatura e l’utilizzo della lana in diversi ambiti della vita quotidiana, come la realizzazione di manufatti e capi d’abbigliamento.

Dalla passione per la lana, in Valle dei Mòcheni- Bersntol nel 2016 è nato il Comitato Bollait “gente della lana” che raggruppa un gruppo di donne impegnate nel ridare valore a questo materiale tanto prezioso e unico per le sue proprietà.

La lana è un prodotto termoregolatore e dà freschezza d’estate e calore d’inverno, inoltre non crea un impatto per l’ambiente ed è traspirante.

La lana viene raccolta presso i pastori della Valle, lavata presso un centro specializzato i Austria. Il fiocco di lana viene successivamente trasformato in falda e filato di diversa grossezza.

Dove acquistare i prodotti

  • Klopfhof
  • B&B Gian
  • Mas del Saro
  • Osteria Morelli
  • Birt Redebus
  • Mas la Grisota

La lana viene raccolta dai pastori della Valle, trattata e poi tinta con prodotti naturali per realizzare diversi prodotti.

Alcuni esempi dei prodotti sono:

  1. Guata nòcht (buona notte) – materasso, singolo, il lanotto e il guanciale.
  2. Kinn (bimbo) – materasso per culla, lanotto , guanciale e sacco nanna
  3. Filz (lana cardata) – falda di lana naturale cardata a rullo
  4. Knaul (filato) – filato con gomitoli, matasse, rocche.

Il gruppo è formato da:
Barbara Pisetta, Daniela Dalbosco, Giovanna Zanghellini, Vea Carpi e Stefano Moltrer

Scrivere a: info@bollait@gmail.com

Continua a leggere

Potrebbe interessarti anche....